vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di San Maurizio Canavese appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

UN PO' DI CHIAREZZA SULLA RACCOLTA RIFIUTI...

UN PO' DI CHIAREZZA SULLA RACCOLTA RIFIUTI...

UN PO' DI CHIAREZZA SULLA RACCOLTA RIFIUTI...

12 gennaio 2018

Come abbiamo comunicato negli ultimi mesi, a partire dall'inizio di questo 2018 la frequenza della raccolta della frazione indifferenziata dei rifiuti è passata da settimanale a quindicinale. In altri termini: i cassonetti grigi, quelli che raccolgono i rifiuti da inviare alla discarica perché non riciclabili, vengono svuotati una volta ogni due settimane (e non più ogni settimana, come avvenuto fino alla fine del 2017).

Quest'anno non ci sono altre variazioni, né nell'entità della tariffa né nelle modalità di tariffazione: gli operatori ecologici non stanno pesando i rifiuti né conteggiando il numero di svuotamenti per famiglia. È tutto come prima, con la sola differenza della frequenza di raccolta.

Lo ribadiamo perché abbiamo avvertito fra i cittadini un po' di confusione – del tutto comprensibile, quando avvengono delle novità – e riteniamo opportuno fare chiarezza, spiegando ancora una volta i motivi di tale cambiamento. Motivi che sono sostanzialmente due.

Il primo è la necessità di ottimizzare i costi di raccolta, invitando i cittadini a non esporre cassonetti semivuoti, come invece è emerso negli ultimi tempi, dopo un attento monitoraggio da parte degli operatori. Il secondo motivo è prepararci al nuovo sistema di tariffazione sulla raccolta e lo smaltimento dei rifiuti che entrerà in vigore soltanto a partire dal 2019.

Dal prossimo anno, infatti, il Comune di San Maurizio Canavese aderirà al sistema di tariffazione puntuale progettato dal CISA (Consorzio Intercomunale di Servizi per l'Ambiente). Si tratta di un sistema di tariffazione che terrà conto della reale produzione – da parte di ogni famiglia – dei rifiuti dei cassonetti grigi. La “tariffa puntuale” verrà calcolata sulla base dell'effettivo numero di svuotamenti nel corso dell'anno per ciascun utente e, dunque, in base alla quantità di rifiuti effettivamente prodotti. L'obiettivo è ridurre la quota di rifiuti indifferenziati che vengono portati in discarica (e che comportano notevoli spese di smaltimento a carico di tutta la comunità) e migliorare la raccolta differenziata per raggiungere almeno la quota del 65%, fissata dalla normativa.

Nel frattempo, nel corso del 2018, gli attuali cassonetti grigi in dotazione di ogni famiglia saranno progressivamente sostituiti con nuovi contenitori dotati di microchip, che a partire dal 2019 consentiranno il passaggio al nuovo sistema di raccolta e tariffazione.

Insomma, ogni cambiamento comporta qualche disagio e nuove abitudini, ma non è detto che queste non si rivelino migliori delle vecchie. Cerchiamo dunque di avere pazienza in questi primi tempi. E abituiamoci – tutti quanti – a differenziare sempre più e sempre meglio i rifiuti. In questo modo, i nostri cassonetti grigi saranno sempre più vuoti, potremo esporli in strada con sempre minore frequenza ed eviteremo aggravi di costi in bolletta. Senza contare l'obiettivo principale: rispettare il più possibile l'ambiente, prima di essere sommersi dai rifiuti.

Prossimamente organizzeremo nuovi incontri con i cittadini, come già avvenuto nel novembre scorso, per illustrare tutte le novità. Intanto, per qualsiasi informazione, è possibile contattare direttamente il CISA: numero verde 800.071302 – www.cisaweb.info