vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di San Maurizio Canavese appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

IL TRENO DELLA MEMORIA, PER VIVERE LA STORIA E IL PRESENTE

IL TRENO DELLA MEMORIA, PER VIVERE LA STORIA E IL PRESENTE

IL TRENO DELLA MEMORIA, PER VIVERE LA STORIA E IL PRESENTE

3 maggio 2018

Nei giorni scorsi, a Lanzo, i ragazzi del Treno della Memoria 2018 hanno offerto al pubblico, con uno spettacolo e una serie di riflessioni, la loro esperienza nel viaggio che a metà febbraio li ha portati nei luoghi dell'Olocausto. Fra i circa 600 giovani piemontesi che quest'anno sono saliti sul Treno della Memoria – che li ha condotti a Praga, Cracovia, Auschwitz e Birkenau – c'erano anche quattro ragazzi di San Maurizio Canavese.
Le loro parole ci fanno capire, nella loro intensa semplicità, che l'impegno del Comune e della scuola a favore di questa importante iniziativa è speso bene: “Per noi ragazzi che oggi abbiamo vent'anni – ci ha raccontato Nicolas, uno dei quattro giovani sanmauriziesi – può sembrare storia lontana, quella che ci raccontano i luoghi della memoria e dell'orrore. Ne senti parlare, certo, ma resta qualcosa di confinato a un passato sepolto. Quando però, crescendo, la studi e soprattutto la respiri visitando luoghi come quelli in cui ci ha portato il Treno della Memoria, ti rendi conto che le condizioni che permisero una simile storia non sono affatto passate, ma sono sempre attuali. Ciò scatena, da un lato, la paura che simili atrocità possano ripetersi e, dall'altro, il dovere di impegnarsi affinché non si ripetano mai più”.
“Ogni anno – spiega Giulia Gobetto, consigliere delegato alle Politiche giovanili – i ragazzi che vivono l'esperienza del Treno della Memoria tornano arricchiti di valori e di conoscenze che non si possono imparare semplicemente sui libri di storia e che resteranno dentro di loro per sempre. Per questo il nostro Comune investe volentieri in tale progetto, consentendo ai nostri ragazzi di vivere un'esperienza unica, di cui poi si fanno testimoni fra i coetanei e nell'intera nostra comunità. E nel prossimo autunno saranno proprio loro, intanto, a presentare l'iniziativa del Treno della Memoria ai ragazzi che vorranno vivere questa esperienza nel 2019”.